Orfeo ed Euridice

Orpheus poeta lyrae sono etiam beluas mollit, commovet etiam saxa.

Il poeta Orfeo con il suono della lira doma anche le fiere, smuove anche i sassi.

Nel giorno delle nozze la ninfa Euridice, promessa sposa di Orfeo viene morsa da una vipera e perde la vita (muore) a causa del veleno; lascia l'uomo con molte lacrime e scende negli Inferi, dimora dei morti. Orfeo piange a lungo, rifiuta il cibo, vaga per i boschi. Infine, poiché desidera ardentemente andare a rivedere la fidanzata e a riprendersela, scende negli Inferi, si avvicina al trono di Proserpina e canta con la lira: le ombre accorrono;

Cerbero, mostro orribile, tace. Infine anche Proserpina viene commossa e i desideri del poeta vengono esauditi dalla dea: Euridice viene restituita a Orfeo, ma l'uomo non deve rivolgere lo sguardo verso la promessa sposa.

Ma, per la grande gioia, Orfeo trascura gli ordini di Proserpina e incautamente rivolge indietro lo sguardo: Euridice presto svanisce nell'aria dagli occhi dell'uomo e l'infelice Orfeo cerca vanamente di fermare la promessa sposa.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 21:13:59 - flow version _RPTC_G1.1