Orfeo scende negli inferi

Poeta Orpheus lyrae suae sono feras mansuefacit, saxa quoque movet.

Orfeo il poeta ammansisce le fiere con il suono della sua cetra, muove anche i sassi.

Trascorre luna vita beata in Tracia con la ninfa Euridice. Ma Euridice, mentre corre nei campi, viene uccisa da una vipera velenosa. Allora Orfeo va da Proserpina la regina degli inferi. Desidera che la propria moglie ritorni in vita, e così tenta di commuovere l'animo della regina con il suono della cetra.

Le ombre degli inferi vengono commosse dal poeta e Proserpina restituisce Euridice all'uomo.

Orfeo ha nuovamente la fanciulla, ma durante il tragitto verso il mondo non deve voltarsi a guardarla. Tuttavia il poeta cancella la memoria del precetto  di Proserpina e si volta verso Euridice. In seguito chiama invano sua moglie: Euridice muore di nuovo (esala di nuovo l'anima.).

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-22 23:19:31 - flow version _RPTC_G1.1