Origine e sviluppo dei mali di Roma

Nobis primae dissensiones vitio humani ingeni evenere, quod inquies atque indomitum semper iter in certamine libertatis aut gloriae aut dominationis agit.

Avvennero per il vizio dell'umano ingegno le prime divergenze tra di noi, perché emerse l'inquietudine ed il percorso (la corsa) sempre irrefrenabile nella contesa della libertà o della gloria o della dominazione.

La potenza Romana valse moltissimo in prestigio sotto i consoli Serio Sulpicio e Marco Marcello, in tutta la Gallia oltre il Reno e tra il nostro mare e l'oceano, se non fosse stata impraticabile, ridotta a coltura, per la parte a partire dalle paludi.

D'altra parte si resse con ineccepibile moralità e grandissima concordia tra la seconda e l'ultima guerra Cartaginese e la causa, sussistendo Cartagine fu non l'amore della giustizia, ma la paura di una pace insicura.

Ma la discordia e l'avarizia e l'ambizione e tutti gli altri mali che sono soliti venir fuori nelle situazioni favorevoli dopo l'eccidio di Cartagine si accrebbero moltissimo. dopo che rimossa il timore Cartaginese fu lasciato libero il campo alle lotte politiche, sorsero moltissimi disordini, sedizioni e alla fine le guerre civili. (by Maria D. )

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 21:10:46 - flow version _RPTC_G1.1