Orpheus

Orpheus, poeta lirae sono clarus, etiam beluas molliebat, etiam saxa movebat.

Orfeo, poeta famoso per il suono della lira, ammansiva anche le belve, muoveva perfino i massi.

Assieme ad Orfeo passava beatamente la vita la sposa, l’armoniosa ninfa Euridice. Ma una volta una vipera morse ed uccise la sposa. Allora Orfeo, in piena crisi, tentò di commuovere l’animo di Proserpina, regina degli Inferi e così riportare in vita la sposa. Discese negli Inferi, giunse alla porta di Proserpina e suonò soavemente le lira.

Dappertutto accorrono le ombre dei morti, tace l’orrido mostro Cerbero, si fermano i supplizi dei dannati. Finalmente Orfeo commuove anche l’animo di Proserpina e la regina esaudisce le preghiere del poeta.

Euridice ritornerà tra i vivi, a patto che lungo la via del ritorno il marito non dovrà voltarsi a guardare la donna. Orfeo esula per la gioia, ma poi, mentre cammina, incautamente volge gli occhi all’indietro. Immediatamente la regina degli Inferi richiama la donna; Orfeo piange ed implora, ma invano: infatti non è più possibile trattenere la sposa

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 20:49:44 - flow version _RPTC_G1.1