Rimedi contro il mal di testa

Cui caput infirmum est, leniter perfricare id mane manibus suis debet;

Chi ha il mal di testa, deve sfregarla di mattina con le proprie mani;

nel caso in cui si possa fare, non deve mai ricoprirla con un tessuto né essere tosata fino alla cute. occorre deambulare molto, ma, se è lecito, né sotto il tetto (in casa) e né al sole; occorre evitare in verità in ogni luogo il calore del sole, soprattutto dopo il cibo ed il vino. se giunge al bagno, deve prima un pò sudare nel tepidario sotto un tessuto, lì dev'essere cosparso di unguenti; poi deve passare nel caldario;

non appena suda non deve scendere nella vasca da bagno, ma deve cospargersi lungo tutto quanto il capo molta acqua calda, poi tiepida, poi fredda. Bagnerà con essa il capo più a lungo di tutte le altre parti. Niente giova al capo allo stesso modo dell'acqua fredda: pertanto costui, che ha mal di testa, durante l'estate deve gettare bene il capo ogni giorno quanto più a lungo possibile sotto un largo canale.

Poi, anche se non riesce a raffreddare totalmente il corpo, tuttavia c'è bisogno di refrigerare il capo con l'acqua fresca; ma, quando non desidera che tutte le altre parti siano toccate, abbasserà la testa, affinché l'acqua non discenda sul collo; e, affinché nulla danneggi gli occhi o le altre parti, accompagnerà poi con le mani l'acqua che scorre lungo il viso.
(By Maria D. )

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-22 23:22:02 - flow version _RPTC_G1.1