Roma imperiale: polo di attrazione delle genti del mondo

Aspice, agedum, hanc frequentiam, cui vix immensae urbis tecta sufficiunt: plerique istorum ex municipiis et coloniis, ex toto orbe terrarum Romam confluxerunt.

Guarda, dunque, questa folla alla quale a stento bastano le case di una città immensa: la maggior parte di costoro sono confluiti a Roma dai municipi e dalle colonie, da tutto il mondo.

L'ambizione ha spinto alcuni, l'obbligo di un incarico pubblico (ha spinto) altri, un'ambasceria imposta (ha spinto) altri ancora, l'amore per il lusso (ha spinto) altri, la passione per gli studi liberali (ha spinto) altri, gli spettacoli (hanno spinto) altri ancora;

un'amicizia ha trascinato alcuni, lo studio dell'eloquenza altri. Ogni tipo di uomini è accorso nella città che mette in palio grandi ricompense sia per i vizi che per le virtù. Quindi vattene da questa città, che può essere definita come "di tutti". Va' in giro per tutte le città: tutte hanno una gran parte di popolazione straniera.

Spostati da quelle la cui ridente posizione e la piacevolezza della zona attira molte persone, visita i luoghi disabitati e le isole più impraticabili: non troverai alcun luogo d'esilio nel quale non risieda qualcuno per il bene dell'animo.

Versione tratta da Seneca

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-22 22:58:19 - flow version _RPTC_G1.1