Roma si riprende dopo la sconfitta di Canne

Clades Cannensis maxima maestitia Romanos affecit;

La strage di Canne rattristò moltissimo i Romani ma, dopo che il senato aveva annunciato la notizia al popolo, i consoli dissero così ai loro cittadini: "pensate, cittadini, alla salvezza della patria;

così l'esercito nell'armonia tra i cittadini troverà la speranza di una conclusione più fortunata della guerra. Voi, anziani, ricordate la lunga serie delle antiche vittorie e voi, ricchi, portate ai magistrati oro e argento; perché la forza dei cittadini non deluse l'aspettativa del senato e dell'esercito e gli alleati non solo mantennero la fiducia nelle situazioni favorevoli, ma anche in quelle avverse ed offrirono aiuto allo stato, gli eventi subito mutarono e dopo i giorni funesti della strage, che furono di lutto per tutti i cittadini Romani, giunsero i giorni più lieti della vittoria.

Infatti mentre l'esercito di Annibale, orgoglioso della fortuna, languiva a Capua nella mollezza e nell'ozio, a Roma venivano arruolate nuove schiere di giovani.

Così la mollezza e la lussuria di Annibale fu di enorme danno alle milizie; invece la gioventù Romana preparò con una più severa disciplina nuovi eserciti, grazie ai quali poi P. Cornelio Scipione, che era stato inviato in Africa, sbaragliò le milizie di Annibale nella battaglia presso Zama. (by Maria D.)

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:39:39 - flow version _RPTC_G1.1