Romolo sceglie un sito particolarmente adatto alla fondazione di Roma (Cicerone)

Quod habemus [...] institutae rei publicae tam clarum ac tam omnibus notum exordium quam huius urbis condendae principium profectum a Romulo? Qui patre Marte natus [...] cum Remo fratre dicitur ab Amulio rege Albano ob labefactandi regni timorem ad Tiberim exponi iussus esse; quo in loco cum esset silvestris beluae sustentatus uberibus, pastoresque eum sustulissent et in agresti cultu laboreque aluissent, perhibetur ut adoleverit et corporis viribus et animi ferocitate tantum ceteris praestitisse, ut omnes qui tum eos agros ubi hodie est haec urbs incolebant, aequo animo illi libenterque parerent.

Quorum copiis cum se ducem praebuisset, ut iam a fabulis ad facta veniamus, oppressisse Longam Albam, validam urbem et potentem temporibus illis, Amuliumque regem interemisse fertur. Qua gloria parta, urbem auspicato condere et firmare dicitur primum cogitavisse rem publicam. Urbi autem locum, quod est ei diligentissime providendum, qui diuturnam rem publicam serere conatur, incredibili opportunitate delegit.

Neque enim ad mare admovit, quod ei fuit illa manu copiisque facillimum, ut in agrum Rutulorum Aboriginumve procederet, aut urbem ipse conderet in ostio Tiberino, quem in locum multis post annis rex Ancus coloniam deduxit, sed hoc vir excellenti providentia sensit ac vidit, non esse opportunissimos situs maritimos urbibus eis quae ad spem diuturnitatis conderentur atque imperii, primum quod essent urbes maritimae non solum multis periculis oppositae sed etiam caecis.

Quale esordio possediamo [...] dell'istituzione di uno stato (di) tanto famoso e noto a tutti quanto la fondazione l'origine della fondazione di questa città iniziata da Romolo? Egli nato dal padre Marte [...], si dice che sia stato abbandonato sulle rive del Tevere con il fratello Remo per ordine d'Amulio, re di Alba Longa, per paura di indebolire far vacillare il regno; poiché in questo luogo fu allattato da un animale selvatico e dei pastori lo allevarono e lo fecero crescere nel genere di vita e nel lavoro della campagna, si dice che, non appena cresciuto negli anni, superasse di tanto gli altri sia per forza fisica sia per fierezza d'animo, che tutti coloro che abitavano a quel tempo quelle campagne dove ora sorge questa città, gli obbedivano di buon grado e spontaneamente.

Si dice che dopo essersi messo a capo di un manipolo di costoro abbia sopraffatto Alba Longa, città a quei tempi importante e potente, e (si dice) che abbia ucciso il re Amulio. Raggiunta questa fama si dice che dopo aver preso gli auspici per primo pensò di costruire la città e rafforzare lo Stato. Scelse per la città un luogo quanto mai opportuno (lett. : di incredibile opportunità), cosa cui deve provvedere con la massima diligenza colui che tenta di impiantare uno Stato duraturo.

Non collocò infatti (la città) vicino al mare, in modo da invadere il territorio dei Rutuli e degli Aborigeni, cosa che gli sarebbe stata facilissima con quella schiera e con (quelle) truppe, o da fondare egli stesso la città alla foce del Tevere, nel luogo in cui molti anni dopo il re Anco stabilì una colonia, ma, uomo di straordinaria previdenza, (Romolo) si rese conto e vide questo, (cioè) che i luoghi vicini al mare non sono i più adatti a quelle città che fossero fondate con la speranza (lett. per la speranza) di una lunga durata e del dominio, prima di tutto perché le città marittime sono esposte non solo a molti ma anche a imprevedibili pericoli.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-22 23:25:30 - flow version _RPTC_G1.1