Vita e meriti di Omero

Clarissimum deinde Homeri illuxit ingenium, sine exemplo maximum,

E quindi brillò il genio famosissimo di Omero, il più grande senza paragone, il solo che meritò di essere definito poeta per la grandezza dell'opera e lo splendore dei carmi; in costui il massimo fu questo, cioè che non fu trovato né prima di quello, qualcuno che questo stesso imitasse, e né dopo di quello, qualcuno che potesse imitarlo.

E né troveremo in tal senso qualche altro più perfetto tranne Omero e Archiloco, della cui opera sia stato il primo autore. Costui a partire dal momento della guerra di Troia, che compose, fu assente più a lungo di quanto alcuni pensassero;

infatti fiorì per lo più prima del 950, nacque entro il 1.000. Se qualcuno pensa che costui sia stato generato cieco, è privo di tutti i sensi. (sentimenti).
(By Maria D. )

Versione tratta da Velleio Patercolo

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:37:18 - flow version _RPTC_G1.2