Anco M. abbandona la cura dei riti religiosi per la guerra (Versione Livio)

Anco M. abbandona la cura dei riti religiosi per la guerra
Autore: Livio
Lexis n. 81 p. 87

Allora i Latini, con i quali sotto il regno di Tullio era stato concluso un patto, si erano esaltati e poiché avevano fatto incursione nel territorio romano, ai romani, che esigevano una spiegazione, risposero superbamente, poiché pensavano che l'ozioso re romano avrebbe guidato il regno tra i tempietti e gli altari.

Anco aveva una buona indole, che rammentava sia quella di Numa che quella di Romolo, e credeva che la pace fosse stata più necessaria durante il regno dell'avo sia in un nuovo popolo che in uno rozzo, e anche che gli sarebbe stato per niente facile tenere la tranquillità che quello aveva ottenuto senza fatica;

avendo visto che la sua pazienza era disprezzata e messa a dura prova dai Latini, reputò essere tempi più adatti a re Tullio che a Numa, quindi radunò un esercito e mosse guerra contro le città Latine.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:03:44 - flow version _RPTC_G1.1