Clelia - versione latino Livio superni gradus so tradurre maiorum lingua

CLELIA versione di latino e taduzione


Note: ci sono molte versioni diverse con questo titolo ne riportiamo alcune indicando i libri dalle quali sono state tratte e tradotte. i LIBRI SONO: SO TRADURRE, LE RAGIONI DEL LATINO, NUOVO COMPRENDERE E TRADURRE, COTIDIE LEGERE, SUPERNI GRADUS, MAIORUM LINGUA

versione Clelia dal libro Le ragioni del latino

Cloelia virgo, una ex obsidibus cum castra etruscorum forte haud procul ripa Tiberis essent, frustrata custodes, dux agminis virginum inter tela hostium Tiberim tranavit et obsides sospites omnes ad propinquos restituit.

Quod ubi regi Porsennae notum fuit, primo, incensus ira, oratores romama misit qui cloeliam obsidem deposcerent, deinde in admirationem versus, promisit, si riddidissent, intactam inviolatamquead suos se remissurum.

Utrimque consitit fides : et Romani pigus pacis ex foedere resisterunt et apud regem etruscorum nn tuta solum sed honorata etiam virtus fuit : rex virginem laudavit et ei donavit partem obsidum.

Pace redintegrata Romani Cloeliae virtutem statua equestri honoraverunt : in Sacra via posita est virgo insidens equo.

Una ragazza di nome Clelia, una tra gli ostaggi, siccome l'accampamento etrusco era situato casualmente vicino alla riva del Tevere, riuscì a sfuggire alle sentinelle, e, con al séguito un gruppo di coetanee, attraversò il fiume sotto una pioggia di frecce, e le ricondusse sane e salve ai parenti a Roma. Appena Porsenna venne a sapere ciò, montato su tutte le furie, mandò ambasciatori a Roma per chiedere la restituzione dell'ostaggio Clelia, poi passato dalla collera all'ammirazione, primise che se invece gliel'avessero consegnata lui l'avrebbe restituita ai suoi senza farle alcun male.

Entrambe le parti mantennero la parola: i Romani riconsegnarono il pegno di pace, come previsto dal trattato, e presso il re degli etruschi la virtù fu non solo sicura ma anche onorata : il re lodò la fanciulla e le donò parte degli ostaggi.

Una volta ristabilita la pace, i Romani onorarono la virtù di Clelia con una statua equestre: fu posta nella via Sacra una vergine seduta a cavallo.

Versione Clelia dal libro Cotidie Legere

Cum Porsena apud Romam pervenisset, obsides a Romanis accepit ne urbem oppugnaret. Inter obsides Cloelia quoque erat, nobilis virgo, una cum multis aliis virginibus puerisque. Cum regis castra haud procul a Tiberis ripa locata essent, Cloelia, deceptis custodibus, virginum agminis dux, inter hostium tela Tiberim tranavit. Quod ubi regi nuntiatum est, statim, incensus ira, legatos Romam misit ad reposcendam ex foedere Cloeliam; quam Romani restituerunt. Tum rex, Cloeliae virtutem admiratus, non solum eam laudavit, sed etiam donavit parte obsidum eique concessit ut eligeret quos ipsa vellet. Productis omnibus obsidibus, Cloelia elegit pueros, quorum aetatem maxime opportunam iniuriae videbat. Romani novam in femina virtutem novo honoris genere honoraverunt, statua equestri

Dopo essere arrivato nei pressi di Roma, Porsenna, ebbe degli ostaggi dai Romani affinché non attaccasse la città. Tra gli ostaggi vi era anche Clelia, nobile fanciulla, insieme a molti altri ragazzi e ragazze. Visto che l'accampamento del re era posto non lontano dalla riva del Tevere, Clelia, eluse le guardie, a capo della schiera di fanciulle, attraversò a nuoto il Tevere tra le frecce dei nemici. Quando al re venne riferito tale fatto, subito egli, ardente di rabbia, inviò degli ambasciatori a Roma a reclamare Clelia secondo l'accordo; e i Romani la restituirono. Allora il re, meravigliato dal coraggio di Clelia, non solo la lodò, ma le donò anche una parte degli ostaggi e le concesse di scegliere chi voleva. Fatti comparire tutti gli ostaggi, Clelia scelse i ragazzi che per l'età vedeva maggiormente esposti all'ingiuria (di cui vedeva l'età maggiormente esposta all'ingiuria). I Romani premiarono la straordinaria virtù della donna con un nuovo tipo di onore, una statua equestre

Versione Clelia dal libro Superni gradus

Cloelia virgo, una ex obsidibus cum castra etruscorum forte haud procul ripa Tiberis essent, frustrata custodes, dux agminis virginum inter tela hostium Tiberim tranavit et obsides sospites omnes ad propinquos restituit. Quod ubi regi Porsennae notum fuit, primo, incensus ira, oratores romama misit qui cloeliam obsidem deposcerent, deinde in admirationem versus, promisit, si riddidissent, intactam inviolatamquead suos se remissurum. Utrimque consitit fides : et Romani pigus pacis ex foedere resisterunt et apud regem etruscorum nn tuta solum sed honorata etiam virtus fuit : rex virginem laudavit et ei donavit partem obsidum. Pace redintegrata Romani Cloeliae virtutem statua equestri honoraverunt : inSacra via posita est virgo insidens equo.

Versione CLELIA da Nuovo Comprendere e tradurre

Porsena, Etruscorum rex, Romam obsidione cingebat. Etruscorum castra in Tiberis fluminis ripis posita erant ibique aliquot nobiles puellae Romanae obsides detinebantur. Inter obsides erat Cloelia, virgo pulchra et animosa, quae libertatem cupiebat et continenter comites ad fugam incitabat. Quare olim cum puellarum agmine vigilias eludit et clam ex Etruscorum castris fugit. Postea magno cum animo Cloelia comites ad flumen ducit et inter tela hostium audacter Tiberim prima tranat. Denique Romam cum aliis puellis pervenit, ubi patribus matribusque filias reddit. Sed senatores Porsenae regis iram timebant, quia inter Romanos Etruscosque foedus erat. Nam Porsena per legatos Cloeliam deposcit: Romani foedera observant et statim virginem regi restituunt. Cloelia ad Etruscorum castra redit, sed Porsena, magna puellae audacia commotus, eam liberat et Romam remittit. Postea Romani in via Sacra animosae virginis statuam posuerunt.

Porsenna Re Degli Etruschi Cingeva D’ Assedio Roma. L’ Accampamento Degli Etruschi Era Vicino Alle Rive Del Fiume Tevere E Qui Erano Tenute In Ostaggio Le Ragazze Romane. Fra Gli Ostaggi C’ Era Clelia, Fanciulla Coraggiosa E Bella Che Desiderava La Liberta’ : Per Questo Di Nascosto Eluse I Carcerieri Degli Etruschi E Con La Schiera Delle Fanciulle Fuggi‘ Dall’ Accampamento. Fra I Dardi Dei Nemici Attraverso’ Audacemente A Nuoto Il Fiume E In Seguito Giunse A Roma Dove Consegno’ A Padri E Madri Le Figlie. Ma I Senatori Temevano L’ Ira Del Re Porsenna, Perche’ Fra I Romani E Gli Etruschi C’ Era Un Alleanza. Infatti Il Re Richiese Tramite Ambasciatori La Fanciulla Clelia; I Romani Rispettarono Il Patto E Subito La Restituirono. Clelia Ritorno’ All’ Accampamento Degli Etruschi E Porsenna Colpito Dalla Grande Forza Della Fanciulla La Libero’ E La Rimando A Roma. A Ricordo Dell’ Impresa Di Clelia I Romani Posero Nella Via Sacra Una Statua Della Fanciulla Coraggiosa.

Versione Clelia dal libro SO TRADURRE

INIZIO: Porsena, potentissimus inter etruscorum reges, Romam cum fortiore quam ingentiore exercitu venerat ut in urbem Tarquinium Superbum et eius filios reduceret. FINE: Praeclare virginis fortitudo tantam regis admirationem movit ut statim puella liberata sit et Romam sine pretio remissa sit.

Il più potente dei re etruschi, Porsenna, era giunto a Roma con un esercito tanto più forte quanto più numeroso per rimettere nella città Tarquiinio il superbo ed i suoi figli. Tanto valide erano le sue forze che i romani dovettero chiedere l'armistizio. Allora il re per concedere la l'armistizio ridusse in ostaggio 12 vergini della città. La più nobile delle prigioniere era Clelia, vergine tanto forte che sembrava meno somigliante ad una donna piuttosto che ad un uomo. Dopo essere fuggita dai guardiani, con un furbo inganno, durante la notte, rubò un cavallo velocissimo e fuggì quanto più velocemente poteva. Arrivata al Tevere smontò da cavallo e nuotò tra le onde talmente forte da arrivare presto a Roma per chiedere la consegna della fuggiasca. Clelia, allora dimostrò un animo risoluto assoluamente e ritornò nell'accampamento di Porsenna, perché il re non sospendesse l'armistizio. La magnifica forza della vergine destò tanta ammirazione del re da essere la fanciulla liberata all'istante e restituita ai romani senza pagamento di riscatto

Versione maiorum lingua

Porsenna etruscorum rex Romam obsidione cingebat ... Postea Romani in via sacra animosae virginis statuam poserunt.

Porsenna, re degli etruschi, cingeva roma d'assedio. L'accampamento degli etruschi era posto lungo le rive del tevere e li alcune nobili fanciulle romane erano tenute come ostaggi. Fra gli ostaggi c'era Clelia, vergine bella e coraggiosa, che desiderava la libertà e incitava continuamente alla fuga le compagne. Per questo una notte con grande coraggio elude le sentinelle e fugge di nascosto con le amiche dell'accampamento degli etruschi, poi scende al fiume e tra le frecce dei nemici attraversa a nuoto per prima il tevere, audaciamente. Al mattino con le altre fanciulle giunge a roma, dove restituisce le figlie ai genitori e di fronte ai senatori e a tutto il popolo racconta la sua impresa. I senatori lodano il coraggio di Clelia ma rimandano le fanciulle al re persenna, poiché tra romani ed etruschi c'era un patto e i romani osservavano sempre i patti. Clelia ritorna all'accampamento degli etruschi, ma il re, colpito dalla sua audacia, libera la fanciulla e la rimanda a roma. Poi i romani posero la statua della coraggiosa Clelia sulla via sacra.

Copyright © 2007-2018 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2018 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2018-11-07 15:23:57