Coriolano - Tito Livio versione latino Munera

CORIOLANO Versione di latino di TITO LIVIO
LIBRO MUNERA

Erat tum in castris inter primores iuvenum Cn.

Cn. Marcio era allora nell’accampamento tra i più illustri dei giovani, un ragazzo pronto a pensare e ad eseguire, che ebbe in seguito il soprannome Coriolano.

All’improvviso le legioni Volsce partite da Anzio avendo assalito l'esercito romano che assediava Corioli e diretto verso gli abitanti che aveva chiusi all'interno, senza alcun sospetto di una guerra proveniente dall’esterno, e nel medesimo tempo avendo i nemici fatto una sortita dalla cittadella, si trovava per caso Marcio al posto di guardia.

Egli con un manipolo di soldati scelti non solo respinse l’assalto di quelli che tentavano la sortita, ma coraggioso irruppe attraverso la porta aperta nelle vicinanze della città, e compiuto un massacro scagliò una torcia presa per caso sugli edifici che erano vicini al muro.

Lo schiamazzo quindi dei cittadini, come succede, misto al pianto delle donne e dei bambini lavatosi per la paura, per prima cosa incoraggiò i Romani e demoralizzò i Volsci, quasi (ormai) fosse presa la città cui erano venuti per portare aiuto. Così furono sbaragliati i Volsci di Anzio e conquistata la città di Corioli.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:04:36 - flow version _RPTC_G1.1