Discorso di Scipione ai soldati (Versione Livio)

Discorso di Scipione ai soldati
Autore: Livio

"Dunque io vorrei che combatteste non solo con quel coraggio con cui di solito lo fate contro gli altri nemici, ma con indignazione quasi e con sdegno, come se vedeste i vostri schiavi impugnare improvvisamente le armi contro di voi.

Ci sarebbe stato possibile uccidere per fame, estrema tortura per gli uomini, gli assediati a Erice; avremmo potuto condurre in Africa la flotta vincitrice ed in pochi giorni senza alcuna lotta distruggere Cartagine: siamo stati generosi con chi ci supplicava, abbiamo tolto l’assedio, abbiamo fatto la pace con i vinti, poi li abbiamo messi sotto la nostra protezione, quando erano minacciati dalla guerra d’Africa. In cambio di queste concessioni, andando dietro ad un giovane esaltato, vengono ad attaccare la nostra patria.

E volesse il cielo che nella prova da affrontare fosse solo in gioco per voi la dignità e non la salvezza. Voi dovete combattere non per il possesso della Sicilia e della Sardegna, che in passato erano l’oggetto della lotta, ma per l’Italia. E non c’è un altro esercito alle nostre spalle che, se noi non vinciamo, opponga resistenza al nemico, e non ci sono altre Alpi, che mentre (i nemici) cercano di superarle, possano consentire di procurarci nuovi mezzi di difesa.

Qui occorre resistere, soldati, come se si combattesse di fronte alle mura di Roma. Ognuno pensi che con le armi difende non se stesso, ma la moglie ed i figlioletti, e d’altra parte non si occupi solo di doveri verso la famiglia, ma consideri allo stesso modo questo, che il senato ed il popolo romano ora hanno gli occhi puntati sul nostro esercito: quale sarà il nostro valore militare, tale poi sarà la sorte di quella grande città e dello Stato romano".

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:03:27 - flow version _RPTC_G1.1