durante il regno di Servio tullio un sacerdote romano astutamente sottrae ai sabini una vacca da immolare a Diana, dal sacrificio della quale dipende, secondo un responso, il primato di Roma

Versione di latino di Livio
Traduzione dal libro Lingua et Res esercizi 2 pag 336 n°7

Bos in Sabinis nata cuidam patri familiae dicitur miranda magnitudine ac specie;

Si dice che ad un padre di famiglia tra i Sabini fosse nata una mucca di straordinaria grandezza e bellezza;

le sue corna, rimaste attaccate per molti secoli nel vestibolo del tempio di Diana furono testimonianza per quel prodigio. La cosa fu considerata, come realmente era, come portento e gli indovini predissero che il predominio sarebbe stato di quel popolo, un cittadino del quale l'avesse immolata a Diana; e questo presagio era giunta al primo sacerdote del tempio di Diana e il Sabino, appena gli sembrò il primo giorno adatto al sacrificio, trascinata la mucca a Roma, la spinse verso il tempio di Diana e la pose davanti all'altare.

Lì il capo sacerdote romano, poiché la tanto celebrata grandezza della vittima lo aveva colpito, memore del responso, così parlò al Sabino: «Straniero, cosa dunque intendi fare?, disse, «fare un sacrificio a Diana con mani impure?

Perchè prima non ti bagni nella corrente del fiume (lett. nel vivo fiume) ? nel fondo della valle scorre il Tevere". Preso dallo scrupolo religioso, lo straniero, che desiderava che ogni cosa fosse fatta secondo il rito, perché l'evento corrispondesse al prodigio, subito scese al Tevere; nel frattempo il Romano sacrifica la mucca a Diana. Ciò fu straordinariamente gradito al re e alla cittadinanza

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:03:45 - flow version _RPTC_G1.1