Erat et materia et causa seditionis aes alienum

Erat et materia et causa seditionis aes alienum;

Fondamento e causa della rivolta erano i debiti;

a Spurio ServilioPrisco e Quinto Clelio Siculo, nominati censori per valutarne l’entità, fu impedito dalla guerra di eseguire il mandato; infatti messaggeri preoccupati, in seguito una fuga precipitosa dai campi, riferirono che gli eserciti dei Volsci avevano oltrepassato i confini e devastavano l’agro Romano sparsi in ogni dove. In quella situazione di disordine tanto mancò che il terrore per la situazione esterna arrestasse le discordie civili, che anzi, per questo, il potere dei tribuni diventava più arrogante impedendo l’arruolamento, finché furono imposte ais enatori queste condizioni, che nessuno, per tutto i tempo in cui sifosse guerreggiato, pagasse il tributo di guerra o emettesse sentenze sulle cause per debiti.

Ottenuta quella tregua per la plebe, non fu frapposto più indugio all’arruolamento. Coscritte le nuove legioni, si decise che, divise le legioni, (ablativo assoluto) due eserciti fossero condotti nel territorio dei Volsci: Spurio Furio e Marco Orazio [piegarono] a destra verso la costa e in direzione di Anzio, Quinto Servilio e Lucio Geganio si diressero a sinistra versoi monti e in direzione di Ecetra (una città volsca). Nessuno dei due eserciti incontrò il nemico.

[…] Infatti i Volsci avevano fatto incursioni solo ai margini del territorio romano, poiché temevano che nel frattempo l’esercito uscisse da Roma; invece, i Romani avevano motivo di trattenersi nel territorio nemico, per attirare i nemici allo scontro.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:04:27 - flow version _RPTC_G1.1