Gli ostaggi femminili rispettati da Scipione - Versione Livio

Media turba obsidum mulier magno natu, Mandoni uxor, qui frater Indibilis reguli erant, flens ad pedes imperatoris procubuit, obtestarique coepit, ut curam cultumque feminarum impensius custodi bus commendaret.

Nell'incerta folla di ostaggi una donna, la più anziana, moglie di Mandone, che era il fratello del principe Indibile, si inchinò piangente ai piedi dell'imperatore e cominciò a supplicare, affinché raccomandasse più vivamente l'attenzione e l'educazione delle donne ai guardiani.

Quando Scipione disse: " Per nulla sarà trascurato", allora nuovamente la donna:"Non ci curiamo molto di ciò - disse - perché, dunque, per la situazione in cui ci troviamo non è sufficiente?

Un'altra preoccupazione mi opprime, osservo l'età di quelle (infatti ormai io stessa sono fuori pericolo dell'offesa che può subire una donna). Fiorenti circa l'età e la bellezza erano le figlie di Indibile;

e le altre pari per nobiltà, che tutte la corteggiavano per la parentela. Allora Scipione disse: "Avrei agito così per la mia educazione e per il popolo romano, affinché presso di noi non fosse violato, ciò che è sacro in qualsiasi altro luogo".

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:07:04 - flow version _RPTC_G1.1