Il giuramento di Annibale (le ragioni del latino)

Il giuramento di Annibale Autore: Livio Le ragioni del latino op. 2 n. 492 pag. 233

Fama est etiam Hannibalem annorum ferme novem, pueriliter blandientem patri Hamilcari ut duceretur in Hispaniam, cum perfecto Africo bello exercitum eo traiecturus sacrificaret, altaribus admotum tactis sacris iure iurando adactum se cum primum posset hostem fore populo Romano.

È noto anche che Annibale a pressappoco nove anni mentre faceva fanciullescamente carezze al padre Amilcare per essere condotto in Spagna mentre, condotta a termine la guerra africana, sacrificava e stava per portarvi l'esercito, condotto (lui) agli altari, toccati i paramenti sacri, fu costretto a giurare che sarebbe stato quanto prima possibile nemico del popolo romano.

Perdiute la Sicilia e la Sardegna tormentavano l'uomo dal fiero animodopo aver perso la Sicilia e la Sardegna;

infatti la Sicilia era stata abbandonata per una troppo affrettata disperazione degli eventi e la Sardegna conquistata durante la ribellione dell’Africa con l’inganno dei Romani, dopo aver imposto per giunta anche un tributo. Inquieto per queste preoccupazioni tanto nella guerra africana che ci fu per cinque anni subito dopo l’ultima pace romana, così in seguito per nove anni in Spagna, nell’accrescere la dominazione cartaginese, si comportò in modo da dimostrare che aveva in animo una guerra maggiore di quella che stava combattendo e che, se fosse vissuto più a lungo, i Cartaginesi avrebbero portato all’Italia, sotto il comando di Amilcare, le armi che portarono sotto il comando di Annibale.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:06:11 - flow version _RPTC_G1.1