Il panico invade Cartagine

Postero die Scipio Laelium Masinissamque cum omni Romano et Numidico equitatu expeditisque militum ... ad opprimendam stationem navium ad Uticam incaute agentem.

TESTO LATINO COMPLETO

Il giorno seguente Scipione invia Lelio e Masinissa con tutta la cavalleria romana e numidica e i soldati ad inseguire Sisiface e Asdrubale, egli stesso con la forza dell'esercito parte con la speranza, parte con la paura, parte con la forza sottomette le città tutte intorno che erano tutte del dominio cartaginese.

A Cartagine c'era un'enorme terrore e credevano che Scipione e credevano che Scipione portando le armi all'intorno, avrebbe contemporaneamente assalita la stessa Cartagine.

Dunque si accorciavano i muri e si armavano di fortini e ognuno di per se trasportata dal contado quanto occorreva a sostenere un lungo assedio.

Di rado si fa menzione di pace, più frequentemente (si fa menzione) di mandare ambasciatori a richiamare Annibale; la maggior parte pensa che si spedisca la flotta, di già allestita per intercettare le vettovaglie, ad assalire la stazione/la sentinella delle navi ad Utica  che agiva imprudentemente.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:07:04 - flow version _RPTC_G1.1