La battaglia del Metauro - Livio versione latino

Elephanti plures ab ipsis rectoribus quam ab hoste interfecti.

La battaglia del Metauro
versione di latino di Livio
Traduzione dal libro Labor Limae

Furono uccisi più elefanti dagli stessi conducenti che dai nemici.

Avevano uno scalpello con un martello. Il conducente, quando le bestie cominciavano a imbizzarrirsi e a precipitarsi tra le loro fila, dopo averlo posto tra le orecchie, proprio sull'articolazione per mezzo della quale il collo si unisce al capo, lo conficcava con un colpo quanto più forte poteva. Quella era stata la più veloce via escogitata per uccidere una besta di tanto grande mole, quando avessero perso la speranza di controllarla, e il primo a ordinare questa pratica fu Asdrubale condottiero come spesso memorabile in altre circostanze, così anche in particolare in quella battaglia.

Egli sostenne i combattenti incitandoli e al tempo stesso affrontando i pericoli. Egli ora implorandoli, ora minacciandoli, accese quelli stanchi e coloro che rifiutavano di combattere per la nausea e la fatica.

Egli richiamò i fuggitivi e risollevò in più punti le sorti della battaglia gia data persa. Infine quando la sorte volse senza dubbio in favore dei nemici, e affinché il suo nome non sopravvivesse a quel tanto grande esercito, spronato il cavallo, si gettò in mezzo alla coorte romana. Lì, come era cosa degna del padre Amilcare e del fratello Annibale, morì combattendo.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-22 23:42:45 - flow version _RPTC_G1.1