La guerra contro Veio va continuata (Versione Latino Livio)

La guerra contro Veio va continuata Autore: Livio

Aut non suscipi bellum oportuit, aut geri pro dignitate populi Romani et perfici quam primum oportet.

O non bisognava iniziare la guerra, oppure la si deve gestire in maniera conforme alla dignità del popolo romano e portarla a termine quanto prima possibile.

E la porteremo a termine se non daremo tregua agli assediati, e se non ci ritiriamo prima di aver coronato le nostre speranze con la presa di Veio. Qualora, per Ercole, non ci fosse nessun'altra ragione, dovrebbe bastare l'indignazione da sola a imporci la perseveranza! Un tempo l'intera Grecia assediò per dieci anni una città a causa di una sola donna: ma quanto distava dalla patria quella città?

Quante terre e quanti mari c'erano di mezzo? A noi dà invece fastidio reggere un anno d'assedio sotto una città che dista venti miglia dalla nostra e che quasi la si vede da Roma. È chiaro: perché il motivo che ha scatenato la guerra è insignificante e il risentimento che proviamo non basta a farci perseverare. Sette volte hanno riaperto le ostilità.

In tempo di pace non sono mai stati leali. Hanno devastato migliaia di volte le nostre campagne. Hanno spinto alla defezione gli abitanti di Fidene, uccidendo i nostri coloni che risiedevano in quella città. Contro il diritto costituito si sono macchiati dell'orribile strage dei nostri ambasciatori. Volevano scatenarci contro l'intera Etruria (mossa che oggi tentano di ripetere), e poco è mancato che facessero violenza ai nostri ambasciatori inviati a chiedere soddisfazione.

Altra versione con lo stesso titolo:

Aut non suscipi bellum oportuit, aut geri pro dignitate populi Romani et perfici quam primum oportet.

O non fu necessario intraprendere una guerra, o occorre che essa sia gestita secondo la dignità del popolo romano e che sia conclusa quanto prima. Verrà conclusa, invece, se incalzeremo gli assediati, se non ci ritiriamo prima di aver imposto la fine della nostra speranza con la presa di Veio. Se, per Ercole, non ci fosse nessuna altra causa, la stessa indignazione avrebbe dovuto imporci la perseveranza. Una volta per dieci anni, a causa di una sola donna, da tutta la Grecia venne assediata una città, distante quanto lontano dalla patriaa casa, quante terre, quanti mari! A noi invece rincresce sopportare un assedio di un anno, entro venti miglia, quasi al cospetto della nostra città? Ammettiamo che sia stata leggera la causa di questa guerra e che non sia abbastanza il dolore, che ci stimola alla perseveranza, ma chi di voi, o Quiriti, può dimenticare quelle famigerate precedenti ingiurie? Sette volte hanno ripreso la guerra, non furono mai in una pace sicura; vollero sollevare tutta l'Etruria contro di noi e oggi macchinano ciò. Bisogna che la guerra con costoro sia fatta con mollezze e attraverso rinvii? Se ritiriamo l'esercito chi potrebbe dubitare che quelli non solo per il desiderio di vendicarsi, ma anche per la necessità pressante di saccheggiare l’altrui, avrebbero invaso i nostri campi? Voglia il cielo che mai il nostro popolo veda quel giorno! Dunque non rinviamo la guerra in questo modo e non lasciamo che essa sia portata nei nostri confini.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-22 23:43:42 - flow version _RPTC_G1.1