L'arresto di Manlio (Versione latino Livio)

pag. 42 del libro Maiorum Lingua - Materiali di lavoro C:

Dictator Manlium in vincla duci iussit.

Il dittatore ordinò che Manlio fosse trascinato in carcere.

Preso da un funzionario: “Giove-disse-ottimo massimo e regina giunone e minerva e tutti gli altri dei e dee, che abitate la rocca del campidoglio, lasciate così che il vostro soldato e protettore sia perseguitato dai nemici? Questa mano destra, con la quale ho scacciato i Galli dai vostri templi, sarà ora in vincoli e catene?” Negli occhi e nelle orecchie di alcuno mostrava lo sdegno;

ma la città era rispettosissima della legittima autorità e non osava alzare gli occhi verso il dittatore o i tribuni della plebe o (verso) lo stesso popolo e non (osava) aprir bocca. Dopo che Manlio fu gettato in carcere, è accertato che una gran parte della plebe si sia vestita a lutto, che molti uomini abbiano lasciato crescere i capelli e la barba e che una triste folla si sia aggirata intorno all’entrata della carcere.

La rinuncia alla dittatura liberò la parola e gli animi degli uomini; infine proprio di notte la folla abbandonava la propria dimora e i sostenitori di Manlio minacciavano di stare per sfondare la carcere quando Manlio per decisione del senato fu liberato dalla prigione.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-22 23:42:08 - flow version _RPTC_G1.1