Limiti al diritto di eredità per le donne - Lingua Communis versione latino Livio

Limiti al diritto di eredità per le donne
versione latino Livio traduzione libro lingua communis

Finis huius anni insignis est nova eaque magni momenti lege quae, non sine alĭquo motu animorum agitata (discutere), civitatem exercuit.

Il culmine insigne di quest'anno è la legge nuova e di grande momento che, controversa non senza qualche sommovimento degli animi, agitò la cittadinanza.

Fino a questo momento era stata legge che le donne, non meno che i maschi, fossero ammesse all'eredità. Per cui accadeva che spesso i beni delle famiglie più illustri fossero trasferite in altre case, con grande danno dello Stato, al quale interessa che agli eredi dei nomi famosi siano sufficienti le ricchezze, con le quali sia tutelato e possa essere ornato lo splendore della famiglia.

A questi inconvenienti stabilì di ovviare Q. Voconio Sassa, tribuno della plebe, e propose al popolo che nessuno potesse stabilire come erede una vergine o una donna, e che non fosse lecito ad una vergine o a una donna percepire l'eredità di qualcuno oltre i centomila sesterzi.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:04:19 - flow version _RPTC_G1.1