Marcello davanti a Siracusa (Versione Latino Livio)

Marcello davanti a Siracusa
Autore: Livio

Marcellus, ut moenia ingressus ex superioribus licis urbem omnium ferme illa tempestate pulcherrimam subiectam oculis vidit, inlacrimasse dicitur partim gaudio tantae perpetratae rei, partim vetusta gloria urbis.

Si racconta che Marcello, entrato dalle mura nella città dai luoghi più elevati, quando vide sotto i suoi (occhi) la città in quel tempo forse la più bella di tutte, pianse di gioia in parte per la gioia di un’impresa tanto grande, in parte per l’antica gloria della città.

Gli venivano alla mente le flotte degli Ateniesi affondate e i due ingenti eserciti con i due illustrissimi comandanti annientati e le tante guerre contro i Cartaginesi condotte con molti pericoli, tanti e così ricchi tiranni e re, più di ogni altro Gerone, re non solo di recentissima memoria ma anche soprattutto per le cose che la bravura e la sua fortuna gli aveva dato, famoso per i benefici verso il popolo romano.

Mentre gli venivano in mente queste cose, e gli subentrava il pensiero che già nello spazio di un’ora tutto quello sarebbe arso e tornato cenere, prima di muovere le insegne verso l’Acradina, mandò avanti i Siracusani, che erano stati dentro le difese romane, come prima è stato detto, per indurre con un discorso moderato i nemici ad abbandonare la città.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:05:02 - flow version _RPTC_G1.1