Un gravissimo errore strategico

Post Cannensem victoriam, Hannibal Romam non petivit, sed in hiberna Capuam concessit.

Dopo la vittoria di Canne, Annibale non si diresse su Roma, ma si recò negli accampamenti invernali a Capua.

In questo luogo (ibi) la maggior parte dell'inverno tenne al riparo l'esercito , tanto temprato contro ogni male e fatica duratura, quanto inesperto e non abituato ai piaceri. E così  il lusso smodato distrusse quelli (i soldati) che nessuno dei mali aveva vinto la forza e in modo tanto più grave, quanto con maggiore intemperanza essi vi si erano immersi.

E infatti, il sonno, il vino, i bagordi, le meretrici, i bagni e l’ozio più piacevole con l’abitudine e col passar dei giorni a tal punto fiaccarono i corpi e gli animi che a proteggerli era più la fama delle trascorse vittorie che le loro effettive ed attuali forze. Questo errore di Annibale viene ritenuto, dagli esperti d’arte militare, più grave del fatto che egli non avesse condotto l’esercito, dal campo di battaglia di Canne, direttamente a Roma: tale indugio, infatti, verosimilmente avrebbe soltanto ritardato la vittoria;

questo errore prosciugò completamente le forze per vincere, giacché qualsivoglia soldato, in assoluto il migliore e il più coraggioso, venne infiacchito e reso svogliato dal piacere dell’ozio.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:07:04 - flow version _RPTC_G1.1