Una battaglia rinviata - versione latino

Inzio: P. Nasica, egregius adulescens, ex omnibus unus, quibus hesterno die pugnari placuit
Fine: Hoc proelium a me dilatum est, non fugitum est.

Publio Nasica, giovane illustre, l'unico Fra tutti quelli ai quali ieri parve opportuno si combattesse, mi ha palesato il suo pensiero;

gli altri hanno ritenuto fosse meglio criticare il comandante lontano, piuttosto che, presente, consigliarlo. Ora riferirò a tutti la ragione del rinvio della battaglia [lett: "della battaglia rinviata"]. Con questa decisione l'esercito è stato salvato da me; infatti prima di tutto dico questo: so che nessuno di voi ignora quanto i nemici ci siano superiori in numero.

Vi chiedo, inoltre, se non è forse vero che un soldato riposato e integro, pieno di forze, valido di corpo e di animo combatta più valorosamente di un soldato affaticato da una lunga marcia e madido di sudore, con la bocca e gli occhi pieni di polvere.

Non è forse vero che un nemico fresco e riposato, che non ha ancora le forze logorate dal combattimento, fa impeto contro di voi in modo più violento? Quando ieri arrivammo qui, i nemici avevano già schierato l'esercito con tutta calma, avevano già preparato gli animi e stavano ordinati nelle loro file, noi, invece, eravamo stanchi e spossati dalla lunga marcia. Questo combattimento è stato da me differito, non fuggito

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:12:58 - flow version _RPTC_G1.1