Maturità 1993 - Il buon medico deve conoscere l’ambiente naturale e umano in cui opera

Il buon medico deve conoscere l’ambiente naturale e umano in cui opera versione greco maturità 1993 di Ippocrate

Ίητρικήν δστις βούλεται ορθώς ζητεΐν, τάδε χρή ποιεί ν πρώτον μεν ένθυμεΐσθαι τάς ώρας του έτεος, δ τι δύναται άπεργάζεσθαι έκαστη- ου γαρ έοικασιν ουδέν, άλλα πολύ διαφέρουσιν αύται τε έωυτέων και έν τήσι μεταβολήσιν έπειτα δέ τα πνεύματα τα θερμά τε και τα ψυχρά, μάλιστα μέν τά κοινά πάσιν άνθρωποισιν έπειτα δέ και τα έν έκαστη χώρη έπιχώρια έόντα. Δει δέ και των υδάτων ένθυμεΐσθαι τάς δυνάμιας· ωσπερ γάρ έν τφ στόματι διαφέρουσι και έν τφ σταθμφ, ούτω και ή δύναμις διαφέρει πολύ έκαστου· ώστε ές πόλιν έπειδάν άφ'ικητα'ι τις, ης άπειρος έστι, διαφροντισαι χρή την θέσιν αυτής, δκως κείται και προς τά πνεύματα και προς τάς ανατολάς του ήλιου. Ού γάρ τωύτό δύναται ήτις προς βορέην κείται και ήτις προς νότον ούδ' ήτις προς ήλιον άν'ισχοντα ούδ' ήτις προς δύνοντα. Ταύτα δέ χρή ένθυμεΐσθαι ως κάλλιστα καΐ των υδάτων πέρι ως έχουσι, πότερον έλώδεσι χρέονται και μαλακοΐσιν, ή σκληροΐσι τε και έκ μετεώρων και έκ πετρωδέων είτε άλυκοΐσι και άτεράμνοισιν και τήν γήν, πότερον ψιλή τε και άνυδρος, ή δασεία και έφυδρος- και εϊτε έγκοιλός έστι και πνιγηρή είτε μετέωρος και ψυχρή- και τήν δ'ιαιταν των ανθρώπων, όκο'ιη ήδονται, πότερον φιλοπόται και άριστητάι και άταλάιπωροι, ή φ ιλογυμναστα'ι τε και φιλόπονοι και έδωδοι και άποτοι.

Chiunque voglia occuparsi rettamente di ricerca medica, deve procedere così: in primo luogo (deve) prendere in considerazione le stagioni dell’anno, (ossia) che influssi è in grado di produrre ciascuna (di esse); infatti non sono per nulla simili, ma differiscono molto sia le une dalle altre sia nei (loro) cambiamenti;

poi (deve prendere in considerazione) i venti caldi e (quelli) freddi, soprattutto quelli comuni a tutti i popoli, ma poi anche quelli che sono tipici di ciascuna regione. Bisogna quindi anche che (costui) prenda in considerazione le proprietà delle acque: come infatti (esse) sono differenti nel sapore e nel peso, così sono molto diverse anche le proprietà di ciascuna;

e così (pure), quando uno arriva in una città di cui non è pratico, occorre che valuti attentamente la sua posizione, (cioè) com’è orientata sia rispetto ai venti sia rispetto al sorgere del sole. Non hanno infatti le medesime caratteristiche la (città) che è rivolta verso Bòrea (= Nord) e quella che (è rivolta) verso Noto (= Sud), né quella che (guarda) verso il sole che sorge (= Est) né quella che (guarda) verso il (sole che) tramonta (= Ovest). Su queste cose bisogna riflettere il più attentamente possibile, e (poi) su come sono le acque, (cioè) se (gli abitanti) dispongano di (acque) stagnanti e molli, o dure e (provenienti) da zone elevate e rocciose;

o se (di acque) salmastre e sgradevoli; e (infine bisogna considerare) la terra, se (sia) brulla e arida, oppure boscosa e umida; e se sia infossata e afosa oppure elevata e fresca; e (infine) il modo di vivere degli abitanti, quale prediligano, (cioè) se (siano) amanti del bere e del cibo e sfaticati, oppure amanti dell’esercizio fisico e del lavoro, e mangino molto ma11 (siano) moderati nel bere.

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-30 10:58:51 - flow version _RPTC_G1.3