Cesare raggiunge Brindisi in incognito

Versione numero 17 parte Prima

Ἐν δ´ Ἀπολλωνίᾳ Καῖσαρ οὐκ ἔχων ἀξιόμαχον τὴν μεθ´ ἑαυτοῦ δύναμιν, βραδυνούσης δὲ τῆς ἐκεῖθεν ἀπορούμενος καὶ περιπαθῶν, δεινὸν ἐβούλευσε βούλευμα, κρύφα πάντων εἰς πλοῖον ἐμβὰς τὸ μέγεθος δωδεκάσκαλμον ἀναχθῆναι πρὸς τὸ Βρεντέσιον, τηλικούτοις στόλοις περιεχομένου τοῦ πελάγους ὑπὸ τῶν πολεμίων.

Νυκτὸς οὖν ἐσθῆτι θεράποντος ἐπικρυψάμενος ἐνέβη, καὶ καταβαλὼν ἑαυτὸν ὥς τινα τῶν παρημελημένων ἡσύχαζε.

Τοῦ δ´ Ἀῴου ποταμοῦ τὴν ναῦν ὑποφέροντος εἰς τὴν θάλασσαν, τὴν μὲν ἑωθινὴν αὔραν, ἣ παρεῖχε τηνικαῦτα περὶ τὰς ἐκβολὰς γαλήνην, ἀπωθοῦσα πόρρω τὸ κῦμα, πολὺς πνεύσας πελάγιος διὰ νυκτὸς ἀπέσβεσε

Intanto Cesare, che in quel momento era accampato nei pressi di Apollonia, si trovava in difficoltà e ristrettezze di mezzi, perché le truppe di cui disponeva non erano suffi­cienti per sostenere una battaglia e quelle rimaste in Italia tardavano ad arrivare.

Alla fine prese una decisione quan­to mai pericolosa: poiché i nemici presidiavano il mare con flotte di grandi navi, avvolto in una veste da schiavo, all'in­saputa di tutti salì su un battello a dodici remi diretto a Brindisi e sdraiatosi in un angolo, come fosse una persona di nessun conto, se ne stava lì buono buono senza dire una parola.

L'imbarcazione scivolava tranquilla lungo il fiume Aoo diretta verso il mare. Ma la brezza del mattino, che di solito in quella stagione generava alla foce la bonaccia te­nendo lontani i flutti, fu investita da un vento impetuoso che soffiava dal mare

Versione numero 18 parte Seconda

πρὸς δὲ τὴν πλημμύραν τῆς θαλάττης καὶ τὴν ἀντίβασιν τοῦ κλύδωνος ἀγριαίνων ὁ ποταμός, καὶ τραχὺς ἅμα καὶ κτύπῳ μεγάλῳ καὶ σκληραῖς ἀνακοπτόμενος δίναις, ἄπορος ἦν βιασθῆναι τῷ κυβερνήτῃ, καὶ μεταβαλεῖν ἐκέλευσε τοὺς ναύτας, ὡς ἀποστρέψων τὸν πλοῦν. Αἰσθόμενος δ´ ὁ Καῖσαρ ἀναδείκνυσιν ἑαυτόν, καὶ τοῦ κυβερνήτου λαβόμενος τῆς χειρός, ἐκπεπληγμένου πρὸς τὴν ὄψιν, « Ἴθι » ἔφη « γενναῖε, τόλμα καὶ δέδιθι μηδέν· Καίσαρα φέρεις καὶ τὴν Καίσαρος Τύχην συμπλέουσαν ». Ἐλάθοντο τοῦ χειμῶνος οἱ ναῦται, καὶ ταῖς κώπαις ἐμφύντες ἐβιάζοντο πάσῃ προθυμίᾳ τὸν ποταμόν· ὡς δ´ ἦν ἄπορα, δεξάμενος πολλὴν θάλατταν ἐν τῷ στόματι καὶ κινδυνεύσας, συνεχώρησε μάλ´ ἄκων τῷ κυβερνήτῃ μεταβαλεῖν.

Poiché il fiume urtava contro il flusso del mare e l'urto contrario dell'onda, e con gran fragore e con vortici paurosi era respinto all'indietro, era impossibile per il timoniere venirne fuori e ordinò ai rematori di cambiare la rotta come per invertire la navigazione. Allora, Cesare, presane coscienza si fece riconoscere e presa la mano del pilota sbigottito a quella apparizione, "va'" disse "o coraggioso, osa e non temere nulla; tu trasporti Cesare e la Fortuna di Cesare che naviga assieme a lui". Subito dunque i marinai dimenticarono la tempesta e, incollatisi ai remi, con ogni volontà tentavano di far forza contro il fiume; poiché (l'impresa) era impossibile, poiché la nave imbarcava molta acqua alla foce e correva pericolo, (così Cesare) si arrese a malincuore e (disse) al timoniere di tornare indietro.

release check: 2020-03-20 23:08:43 - flow version _RPTC_H2.4