Cesare ristabilisce l'ordine in Asia Minore

Κἀκεῖθεν ἐπιὼν τὴν Ἀσίαν, ἐπυνθάνετο Δομίτιον μὲν ὑπὸ Φαρνάκου τοῦ Μιθριδάτου παιδὸς ἡττημένον ἐκ Πόντου πεφευγέναι σὺν ὀλίγοις, Φαρνάκην δὲ τῇ νίκῃ χρώμενον ἀπλήστως, καὶ Βιθυνίαν ἔχοντα καὶ Καππαδοκίαν, Ἀρμενίας ἐφίεσθαι τῆς μικρᾶς καλουμένης, καὶ πάντας ἀνιστάναι τοὺς ταύτῃ βασιλεῖς καὶ τετράρχας.

εὐθὺς οὖν ἐπὶ τὸν ἄνδρα τρισὶν ἤλαυνε τάγμασι, καὶ περὶ πόλιν Ζῆλαν μάχην μεγάλην συνάψας αὐτὸν μὲν ἐξέβαλε τοῦ Πόντου φεύγοντα, τὴν δὲ στρατιὰν ἄρδην ἀνεῖλε· καὶ τῆς μάχης ταύτης τὴν ὀξύτητα καὶ τὸ τάχος ἀναγγέλλων εἰς Ῥώμην πρός τινα τῶν φίλων Μάτιον ἔγραψε τρεῖς λέξεις· "ἦλθον, εἶδον, ἐνίκησα“.

Cesare essendosi avvicinato all'Asia, veniva a sapere da Farnace, figlio di Mitridate, che Domiziano essendo vinto era fuggito dal Ponto con pochi, convocando Farnace che si serviva della vittoria insaziabilmente e Bitinia che l'aveva e la Cappadocia per desiderare la piccola Armenia, e per far sollevare tutti i re da questa e i comandanti.

Subito dunque andava contro l'uomo con tre legioni, e avendo attaccato una grande battaglia intorno alla città di Zela lo cacciò mentre fuggiva dal Ponto distrusse completamente l'esercito.

E riferendo l'intensità e la velocità di questa battaglia a Roma a qualcuno degli amici scrisse 3 parole: "Venni, vidi, vinsi"

release check: 2020-03-20 23:05:36 - flow version _RPTC_H2.4