interpretazione di un sogno - Plutarco versione greco

ἤδη δὲ παρεσκευασμένων ἁπάντων καὶ τοῦ στρατοῦ παρὰ ταῖς ναυσὶν ὄντος ὄναρ εἶδεν ὁ Κίμων.

δόκει κύνα θυμουμένην ὑλακτεῖν πρὸς αὐτόν, ἐκ δὲ τῆς ὑλακῆς μεμιγμένον ἀφεῖσαν ἀνθρώπου φθόγγον εἰπεῖν· στεῖχε· φίλος γὰρ ἔσῃ καὶ ἐμοὶ καὶ ἐμοῖς σκυλάκεσσιν.

οὕτω δὲ δυσκρίτου τῆς ὄψεως οὔσης Ἀστύφιλος ὁ Ποσειδωνιάτης, μαντικὸς ἀνὴρ καὶ συνήθης τῷ Κίμωνι, φράζει θάνατον αὐτῷ προσημαίνειν τὴν ὄψιν, οὕτω διαιρῶν· κύων ἀνθρώπῳ, πρὸς ὃν ὑλακτεῖ, πολέμιος· πολεμίῳ δ᾽ οὐκ ἄν τις μᾶλλον ἢ τελευτήσας φίλος γένοιτο· τὸ δὲ μῖγμα τῆς φωνῆς Μῆδον ἀποδηλοῖ τὸν ἐχθρόν· ὁ γὰρ Μήδων στρατὸς Ἕλλησιν ὁμοῦ καὶ βαρβάροις μέμικται.

Quando ormai era tutto pronto e l'esercito era schierato presso le navi, Cimone ebbe un sogno: gli sembrò che una cagna rabbiosa abbaiasse contro di lui.

e mista al latrato emettesse una voce d’uomo che diceva: . “Vai: sarai amico a me e a miei cuccioli”.

Così essendo la visione difficile da interpretare, Astifilo di Posidonia, un indovino amico di Cimone, spiega che la visione presagisce la sua morte, così ripartendo: la cagna è ostile all’uomo contro cui abbaia;

con un nemico non può diventare amico se non uno che muore; la miscela della lingua scopre il nemico Medo: infatti l’esercito dei Medi è una mescolanza di Greci e di barbari.

release check: 2020-03-20 23:08:43 - flow version _RPTC_H2.4