A Cesare che deve riformare il senato - Versione latino Sallustio

A cesare che deve riformare il senato

Equidem ego sic apud meum animum statuo: cuicumque in sua civitate amplior illustriorque locus quam aliis est, ei magnam curam esse rei publicae.

Sono forte in vero di questa convinzione i cittadini che rispetto ad altri, occupano una posizione più ragguardevole ed importante nello Stato, hanno a cuore il bene dello Stato (a loro sono... = dativi di possesso). Per gli altri, in effetti, salvezza dello Stato significa, soltanto, preservare la propria libertà coloro che invece si sono guadagnati ricchezze, decoro, onore in virtù del proprio valore, non appena lo Stato è un pò malfermo comincia ad esser vittima di agitazioni, i'animo subito si lascia prendere da ansia per le preoccupazioni e le responsabilità (e) prende a difendere la propria gloria e la propria libertà, è onnipresente, sollecito quant'era la sua floridezza in tempi felici, tanta è, in tempi bui, la sua preoccupazione e la sua ansia.

E dunque, a plebe mostra obbedienza al senato così come il corpo al proprio cuore, ed esegue le sue decisioni: al senato spetta un atteggiamento giudizioso; un atteggiamento malaccorto controproducente inutile per il popolo. Inoltre, in tale circostanza i nobili (e) il'animo dei quali l'ndolenza e l'ignavia ha minato pongono freni all'intera popolazione grazie al la propria superbia.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-21 23:51:36 - flow version _RPTC_G1.1