Aderbale è assediato a Cirta - Eamus versione latino

Aderbale è assediato a Cirta versione latino Sallustio traduzione libro Eamus

Iugurtha, ubi legatos Romanos Africa decessisse cognovit neque se propter loci naturarti Cirtam armis expugnare posse, vallo atque fossa moenia circumdat, turres extrùit easque praesidiis firmat;

Giugurta, quando seppe che gli ambasciatori romani si erano allontanati dall'Africa e di non poter espugnare Cirta con le armi per la conformazione naturale del luogo, circonda le mura con un vallo ed una fossa, erige delle torri e le rafforza con dei presidi; inoltre di giorno e di notte assaliva la città con le armi o con insidie; ai difensori delle mura prospettava ora delle ricompense, ora terribili ritorsioni, con parole di incitamento spronava i suoi ad essere coraggiosi, in una parola approntava tutto in modo accurato.

Aderbale, quando si rese conto che il proprio destino era ridotto allo stremo delle forze, che il nemico era implacabile, che non v'era alcuna speranza di aiuto, che non era nella disponibilità di protrarre la guerra per la mancanza dei mezzi necessari, scelse tra coloro che si erano rifugiati a Cirta, i due più coraggiosi, con l'intento, dopo aver attraversato le postazioni nemiche, di giungere velocemente al mare e, poi, a Roma.

I Numidi, in pochi giorni eseguono gli ordini.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-21 23:51:35 - flow version _RPTC_G1.1