Attacco di Giugurta respinto

Interim Metellus, cum acerrume rem gereret, clamorem hostilem a tergo accepit, dein convorso equo animadvortit fugam ad se vorsum fieri;

Intanto Metello, mentre gestiva gli eventi con quanto maggior accanimento possibile, udì il clamore nemico alle spalle, poi dopo aver voltato il cavallo, si accorse che la fuga avveniva verso di lui, cosa che indicava che si trattava dei populares.

Dunque mandò prontamente tutta la cavalleria nell’accampamento. e subito dopo Gaio Mario con le coorti degli alleati;

con le lacrime agli occhi lo scongiura, in nome dell'amicizia e della repubblica, di non permettere che l'onore di un esercito vittorioso sia infangato e che il nemico si allontani impunito. Mario esegue al più presto gli ordini.

Ma Giugurta, impacciato dalle fortificazioni del campo, perché alcuni precipitavano sul vallo e altri, accalcandosi nei punti più stretti, si ostacolavano a vicenda, si ritirò con molte perdite in luoghi fortificati. Metello, senza aver raggiunto il suo scopo, venuta ormai la notte, ritorna al campo con l'esercito.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-21 23:51:36 - flow version _RPTC_G1.1