Catilina esorta i suoi complici all'azione - ad litteram

Sallustio ad litteram
Catilina, ut coniurationis conscios in aedibus suis vidit, in abditam ... fortuna omnia ea vobis, si vincetis, praemia posuit".

Non appena vide i complici della congiura nei suoi appartamenti, Catilina li portò in una parte segreta della casa, non c'erano testimoni e tenne questo discorso: "Dal momento che ho conosciuto per tempo il vostro valore, ho intenzione di intraprendere con voi una grande e bella impresa contro i nemici. Avete già sentito il mio piano: abbiamo condotto una vita misera e sempre la conduciamo, poiché Roma è governata da pochi potenti, ai quali i re, i popoli e le nazioni danno denaro.

Pertanto il favore, il potere, l'onore e la ricchezza sono presso di loro, a noi hanno lasciato i pericoli e la miseria. Quelli dalle città dell'Asia o della Grecia hanno portato con le navi a Roma statue, ricchezza e un gran numero di schiavi, noi, che siamo cittadini Romani e per molti anni abbiamo combattuto con i nemici della nostra città, siamo stati il popolo;

noi, liberi cittadini, siamo servi senza riconoscenza, senza potere. Fino a quando sopporterete questi oltraggi? La libertà, la ricchezza, l'onore sono nei vostri occhi: la sorte ha disposto tutte queste cose per voi, se vincerete".

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-21 23:51:35 - flow version _RPTC_G1.1