Crudele ferocia di Silla - Versione Sallustio

Crudele ferocia di Silla
Autore: Sallustio dal libro MILLENIUM

Inizio: Satellites quidem Sullae, homines maxumi nominis, optumis maiorum exemplis, nequeo satis mirari, qui dominationis in cives servitium suum mercedem dant...

Fine: quos fortuna belli consumpserat, satiatus, sed tum crudelior, quom plerosque secundae res in miserationem ex ira vortunt Senza dubbio i compagni di Silla, grandissimi uomino di fama, non sono abbastanza sorpresi con ottimi esempi dei più grandi, ai quali offrini una ricompensa alle città sottomesse al dominio e preferiscono trattare giustamente i figli a causa dell'offesa: la molto famosa stirpe di Bruto, Emilio e Lutazio, generati per abbattere quelle cose che gli avi si erano procurati con la virtù.


Infatti che cosa è difeso da Pirro, Annibale, Filippo ed Antioco se non la libertà e il diritto di non obbedire ad alcuna cosa de non alle leggi?

E codesto mancino Romolo tiene tutte le cose come strappate da estranei, non tutto l'esercito sconfitto, ne il console e il comandante degli altri che la sorte della guerra aveva distrutto, disgustato ma quindi più crudele quando la prosperità cambiano parecchi dall'ira alla misericordia.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-21 23:51:02 - flow version _RPTC_G1.1