Curio il punto debole - Versione Sallustio

Curio il punto debole
Autore: Sallustio
Inizio: Sed in ea coniuratione fuit Q. Curius.
Fine: Compluribus narravit.

Ma in quella congiura ci fu Quinto Curio, nobile di nascita, carico di infamie e di scelleratezze, che i censori avevano radiato dal senato per la condotta ignominiosa.

Ma a quest'uomo non minore era la leggerezza quanto la falsità: non aveva la capacità di tenere per sé ciò che aveva sentito, né egli stesso di nascondere i propri delitti, né si curava affatto di ciò che diceva o faceva.

Egli aveva con Fulvia una vecchia relazione scandalosa. Essendole meno gradito, poiché a causa della ristretezza economica, non poteva più essere generoso con lei; improvvisamente vantandosi cominciò a prometterle mari e monti, addirittura a minacciarla con un pugnale, se non fosse rimasta legata a lui, infine si comportava con più arroganza di come era di solito.

Ma Fulvi, venuta a conoscenza della causa dell'insolenza di Ciro non tenne nascosto tale pericolo per lo Stato, ma senza rivelare il nome dell'informatore, raccontò a parecchi, quel che aveva sentito dire e in che modo.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-21 23:51:02 - flow version _RPTC_G1.1