Duplicità della natura umana - Versione Sallustio

Duplicità della natura umana
Autore: Sallustio

Omnis homines, qui sese student praestare ceteris animalibus, summa ope niti decet, ne vitam silentio transeant veluti pecora, quae natura prona atque ventri oboedientia finxit.

Tutti gli uomini, che si sforzano di emergere sugli altri esseri viventi, sarebbe conveniente si sforzino col massimo impegno a non trascorrere la vita nell'ombra come le pecore, che la natura ha creato prone e obbedienti al ventre.

Ma tutta la nostra potenza risiede nell'animo e nel corpo;

dell’animo usiamo di più il comando, del corpo (usiamo di più) l’ubbidienza. L'uno è comune a noi con gli dei, l'altro con le bestie. Perciò mi sembra più giusto ricercare la gloria con le risorse dell'intelligenza che con quellee delle forze e, poiché la stessa vita della quale godiamo è breve, rendere il ricordo di noi quanto più possibile duraturo.

Infatti la fama delle ricchezze e dell'aspetto è fugace e fragile, la virtù si mantiene splendente ed eterna.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-21 23:51:18 - flow version _RPTC_G1.1