I complici (versione latino)

In tanta tamque corrupta civitate Catilina, id quod... eorum animi molles etiam et fluxi dolis haud difficulter capiebantur.

Testo latino completo

Cosa che era facilissima a farsi in una città così grande e corrotta, Catilina aveva intorno a sè caterve di uomini senza scrupoli e delinquenti come frotte di guardie del corpo.

Infatti qualunque svergognato, adultero, uomo dissoluto che avesse dissipato i beni paterni con la lussuria, chiunque avesse accumulato un grande debito col quale riscattare un'infamia o un delitto, inoltre da ogni parte tutti gli assassini, i sacrileghi, i condannati nei processi o quelli che temevano un processo per i misfatti [commessi], e ancora coloro che la mano (armata) e la lingua nutriva(no) con il sangue dei concittadini o con la falsa testimonianza, insomma : tutti coloro che erano tormentati dalla coscienza, dal bisogno, dalla scelleratezza, quelli erano gli intimi ed i confidenti di Catilina.

Che se qualcuno era incappato nella sua amicizia anche privo di colpa, con la frequentazione quotidiana e le lusinghe, facilmente era reso simile e uguale agli altri. Ma cercava soprattutto l'amicizia dei giovani; il loro animi malleabili e fragili per l'età venivano attirati facilmente con gli inganni.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-21 23:51:36 - flow version _RPTC_G1.1