Bisogna prepararsi ai capricci della fortuna - VERSIONE latino Seneca

Bisogna prepararsi ai capricci della fortuna
versione di latino di Seneca

Illi me iusserunt stare adsidue velut in praesidio positum et omnis conatus fortunae, omnis impetus prospicere multo ante quam incurrant.

Quelli mi hanno ordinato di essere sempre vigile, come a un posto di guardia, e di prevedere tutte le mosse e tutti gli assalti della sorte molto prima che caschino addosso.

La fortuna è dura per quelli a cui è improvvisa: chi l'ha sempre aspettata la sopporta facilmente. Ed infatti l'assalto dei nemici travolge quelli che si lasciano sorprendere: al contrario quelli che prima si sono preparati per una guerra futura, ben equipaggiati e ordinati, facilmente ne sostengono il primo urto (che è il più impetuoso). Io non mi sono mai fidato della fortuna anche quando sembrava promettere pace;

tutti quelle cose che assai generosamente mi concedeva, ricchezze, onori, favori, io li ho tenuti in tale considerazione che essa avrebbe potuto riprenderseli senza che io mi scomponessi. La cattiva sorte spezza soltanto colui che si lascia ingannare da quella buona.

Quelli che hanno amato i doni della fortuna come beni personali ed eterni, quelli che per quei doni vogliono farsi ammirare, si abbattono e si disperano quando il loro animo vuoto e puerile, ignaro di ogni gioia duratura, si sente privato di quei falsi ed effimeri diletti: invece, chi non insuperbisce nelle liete circostanze, non si deprime nelle avverse e mantiene l'animo saldo nell'uno e nell'altro caso.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:06:03 - flow version _RPTC_G1.1