Elogio dei costumi frugali - Versione latino di Seneca da Immo homines

Elogio dei costumi frugali Versione di latino di Seneca Libro Immo homines

Tenet me summus amor parsimoniae, fateor: placet non in ambitionem cubile compositum, non ex arcula prolata vestis, non ponderibus ac mille tormentis splendere cogentibus expressa, sed domestica et vilis, nec servata nec sumenda sollicite;

Mi lega un grandissimo amore alla parsimonia, confesso: mi piace un letto non preparato per ambizione, non un vestito portato fuori da un armadio, ma familiare e di poco prezzo, né conservata ne da indossare ansiosamente;

mi piace il cibo che non sottometta la servitù né sia saggiato, non ordinato molti giorni prima né servito da dalle mani di molti, ma facile a procurarsi e semplice, che non ha niente di ricercato e di costoso, che non verrà a mancare in qualsiasi posto, non gravoso al patrimonio ed al corpo, non che discenderà da dove sia entrato;

mi piace il servo ignorante e il giovane schiavetto rustico, l’argenteria pesante del padre contadino senza alcun nome dell’artigiano, un tavolo che non desti l’attenzione per la varietà delle venature e che non è famosa in città per le molte successioni di padroni facoltosi, ma disposta all’utilità, che non trattenga gli occhi di alcun commensale per il piacere né accenda di invidia.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:06:22 - flow version _RPTC_G1.1