Gli schiavi sono uomini

Vis tu cogitare istum quem servum tuum vocas ex isdem seminibus ortum eodem frui caelo, aeque spirare, aeque vivere, aeque mori!

Tu vuoi pensare che costui che chiami schiavo, nato dagli stessi semi, gode dello stesso cielo, come te respira, vive e muore.

Come tu puoi vederlo libero, così lui può vederti schiavo. Con la rovina di Varo la sorte umiliò molti di nobilissimi natali, che aspiravano al grado di senatori col servizio militare: uno di quelli lo fece diventare pastore, un altro custode di una villa. Ora disprezza pure un uomo per la sua sorte, in cui puoi cadere mentre lo disprezzi.

Non desidero intromettermi in un argomento importante né parlare di come vengono trattati gli schiavi, contro i quali siamo molto superbi, crudeli e ingiusti. Questo tuttavia è la sintesi del mio insegnamento: così come desideri che un tuo superiore si comporti con te, comportati con un tuo inferiore.

Tutte le volte che ti verrà in mente quanto ti è concesso nei confronti di un tuo schiavo, pensa allo stesso modo a quanto è concesso al tuo padrone nei tuoi confronti. “Ma io” rispondi “non ho alcun padrone!”. (questo) E’ un periodo favorevole; (ma) forse lo avrai.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:05:10 - flow version _RPTC_G1.1