Il pensiero della morte - I gradi del latino Versione latino Seneca

Cotidie praeter oculos nostros transeunt hominum notorum ignotorumque funera; nos tamen aliud agimus, et subitum id putamus esse quod nobis tota vita denuntiatur futurum esse....

Ogni giorno passano sotto i nostri occhi funerali di uomini noti ed ignoti. Noi, tuttavia facciamo altro, e riteniamo che immediatamente avvenga quello che per tutta la vita ci viene predetto che accadrà.

Quindi questa non è ingiustizia del fato, ma una perversione dell’umana mente insaziabile di ogni cosa: che si sdegna di uscire da lì dove è stata accolta in modo precario.

Quanto è più giusto colui che, essendogli stata annunziata la morte del figlio, pronunziò una frase degna di un grand'uomo "Quando lo generai, allora sapevo che sarebbe morto" Non ricevette come insolita notizia la morte del figlio. Che c’è infatti di nuovo nella morte dell'uomo, la cui vita intera altro non è se non un viaggio verso la morte?

L’ora fatale afferrerà uno in un momento, uno in un altro; ma non si scorderà di nessuno. L'animo sia pronto e mai tema quel che è inevitabile.

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-29 15:19:53 - flow version _RPTC_G1.3