L'ineluttabile e la rassegnazione

Oportet sine querella mortalitati nostrae tributa pendere.

Bisogna pagare i tributi senza lagnarsi della nostra condizione mortale.

E non bisogna meravigliarsi di quei vincoli che la natura ha regolato, per i quali noi siamo nati: infatti nessuno deve lagnarsi di quelle cose che sono comuni a tutti i mortali. L'inverno porterà il freddo: si dovrà  tollerare il freddo. L'estate porta il caldo: si deve sopportare il caldo. Le intemperie del cielo mettono alla prova la nostra salute: bisogna ammalarsi.

Magari potessimo mutare questa condizione!  Ma in vero possiamo fare questa cosa: dimostrare una grande forza d'animo e non ribellarci alla natura. Essa infatti limita il suo potere con i mutamenti: al tempo nuvoloso segue quello sereno, alla notte segue il giorno.

Chi potrebbe negare che il nostro animo deve adattarsi a questa legge? Atteniamoci, dunque ad essa, obbediamole e non ci sia in noi la volontà di criticare la natura: definirei un cattivo soldato quello che segue il comandante lagnandosi. Perciò accettiamo senza esitazione e di buon grado le imposizioni (gli ordini) della natura e non tentiamo di allontanarci da questo percorso disposto dalla divina provvidenza.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:15:08 - flow version _RPTC_G1.1