La casa sopra i bagni pubblici

Ecce undique me varius clamor circumsonat: supra ipsum baleneum habito.

Abito proprio sopra le terme.

Adesso immaginati ogni genere di rumore che potrebbe esasperare le orecchie: quando i più forti si allenano e si esercitano con i manubri, quando o si affaticano o fingono di affaticarsi, sento i gemiti, ogni volta che trattengono e rilasciano il respiro, sento sibili e soffi fastidiosissimi; quando mi imbatto in uno che sta fermo e che si accontenta di una comune unzione, sento il rumore della mano che picchia contro le spalle, che, a seconda che giunga piatta o concava, così modifica il suono.

Se poi arriva uno che gioca a palla e prende a contare le palle, è finita. Aggiungici adesso il rissoso e il ladro sorpreso con le mani nel sacco e quello a cui piace la sua voce nel bagno, aggiungici adesso quelli che si tuffano in piscina facendo un gran fracasso con l'acqua spostata.

Oltre a questi, che, se non altro, hanno una voce normale, pensa al depilatore che ripetutamente emette una voce sottile e stridula con la quale possa farsi meglio notare e che non sta mai zitto se non quando depila le ascelle e costringe un altro a gridare al suo posto; inoltre gli schiamazzi vari del venditore di bibite e il salsicciaio e il pasticciere e tutti i venditori delle bettole che vendono la merce con la propria diversa modulazione di voce.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:08:50 - flow version _RPTC_G1.1