L'imperturbabilità del saggio (Versione Latino Littera)

L'imperturbabilità del saggio
Autore: Seneca
Littera, litterae

Il saggio invece non si lascia disprezzare da nessuno: conosce la propria grandezza e dice a se stesso che a nessuno è consentito tanto sul suo conto, e tutte quelle cose che oserei chiamare non tormenti dell’animo, ma molestie, non è che le vinca, ma neppure (le) percepisce.

Si possono trovare altre cose tali da toccare il saggio, anche se non (lo) abbattono, come il dolore fisico, l’infermità o la perdita degli amici e dei figli e la rovina della patria in fiamme per la guerra;

non nego che il saggio avverta queste cose; noi, infatti, non gli attribuiamo la durezza della pietra o del ferro.

Non è affatto prova di virtù sopportare ciò che non si sente Che cos’è dunque? Egli avverte alcuni colpi, ma li supera una volta subiti, e li guarisce e li respinge; invece neppure percepisce queste sensazioni minori e contro di esse non fa ricorso a quella abituale virtù di tollerare le avversità, ma o non ne tiene conto o le reputa risibili.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:05:45 - flow version _RPTC_G1.1