L'uomo re dell'universo - LECTIO BREVIIOR . Seneca Versione latino

L'uomo, re dell'universo Seneca versione latino libro lectio brevior Pag 265 n° 224
Inizio Si pauca quis tibi donasset iugera Fine ullum munus accepisse?

Se qualcuno ti avesse donato pochi iugeri, diresti di avere ricevuto un beneficio; neghi che siano un beneficio le immense distese di terra estese per largo spazio? Se qualcuno ti avrà donato del denaro e avrà riempito la tua aia, dal momento che ciò ti sembra una gran cosa, lo definirai un beneficio; un dio sotterrò tanti metalli, fece sfociare tanti fiumi dalla terra, sopra la quale discendono di corsa, trasportando oro;

un'enorme quantità di argento, di rame e di ferro è stata sepolta in ogni luogo, della quale ti ha dato la facoltà di andarne in cerca, e depose indizi dei beni nascosti in cima alla terra: neghi di avere ricevuto un beneficio?

Se ti venisse domata una casa, nella quale risplende qualcosa di marmo, e il tetto più lucido rivestito con oro o con colori, lo definirai un beneficio non scarso. Un dio edificò per te una grande abitazione senza alcun timore di incendio o di crollo, nella quale vedi non piccoli rivestimenti, ma masse intere di pietra assai preziosa: neghi di avere ricevuto alcun beneficio?

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:06:03 - flow version _RPTC_G1.1