Parole di Socrate ai suoi denigratori - versione latino Seneca

Parole di Socrate ai suoi denigratori
Autore: Seneca
Mod. Lingua Latina

Ecce Socrates ex illo carcere, quem intrando purgavit omnique honestiorem curia reddidit, proclamat: "Qui iste furor, quae ista inimica dis hominibusque natura est infamare virtutes et malignis sermonibus sancta violare?

Ed ecco Socrate che dal carcere purificato dalla sua presenza e reso più onorabile di qualsiasi curia, " procla ma: "Che follia è questa, che istinto avverso agli uomini e agli dei, di disonorare la virtù e con voci maligne pro fanare cose sacre?

Se potete lodate le persone virtuose, se non potete astenetevi. Se però vi piace far mostra del la vostra vergognosa insolenza insultatevi fra voi. Quan do vi infuriate contro il cielo, non dico che commettete un'empietà ma che sprecate fatica.

Un tempo ho dato modo ad Aristofane" di prendersi gioco di me. Tutta quella banda di poeti comici mi ha scagliato contro le sue battute velenose: ma la mia virtù ha acquistato splendore proprio grazie ai colpi che hanno cercato di fe rirla. Infatti le ha giovato essere messa in mostra e alla prova e nessuno ne ha capito il valore come chi, non dandole tregua, ne ha sperimentato la forza.

Nessuno come i tagliapietre conosce la durezza della roccia. Dì mostro di essere come uno scoglio solo in mezzo a una secca che le onde flagellano continuamente da ogni par te, ma neanche secoli di ripetuti assalti possono smuo verlo o scalfirlo. Assalitemi dunque, attaccatemi: vi vin cerò sopportandovi.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:05:46 - flow version _RPTC_G1.1