SENECA DE BENEFICIIS libro V capitolo V

A parentibus fere vincimur;

Dai genitori por lo più siamo vinti.

Intatti noi li temiamo tanto a lungo quanto a lungo li giudichiamo pesanti (autoritari) e quanto a lungo non comprendiamo i loro benefici, ma quando ormai l'età ha raccolto un pò di saggezza e ed e cominciato ad apparire che essi devono essere amati da noi per quegli stessi atteggiamenti, a causa del quali non erano apprezzati. I rimproveri, la severità e l'attenta sorveglianza di un'avventata adolescenza, ci vengono tolti; l'età ha condotto pochi a ricavare il vero frutto dai figli, altri hanno percepito i figli con un peso. Non è tuttavia vergognoso essere vinti nei benefici da un genitore; perché mai dovrebbe essere vergognoso, dal momento che non è vergognoso esserlo da nessun altro?

Per alcuni infatti siamo usuati e diversi, uguali nel'animo, che solo quelli richiedono, che noi solo promettiamo, diversi per la sorte: se essa impedisce a qualcuno di ricambiare il favore, non per questo quel tale deve arrossire come se fosse Stato vinto; non è vergognoso non ottenere, purchè ci siprovi.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:06:40 - flow version _RPTC_G1.1