Si muore un po' ogni giorno - versione latino seneca

Si muore un po' ogni giorno Seneca
Scriptoris animus pagina 164 numero 124

Cotidie morimur;

Moriamo ogni giorno: ogni giorno infatti una qualche parte di vita ci viene sottratta e proprio allora, quando noi cresciamo la vita decresce.

Abbiamo perso l'infanzia, la fanciullezza e poi ancora la giovinezza. Tutto quello che di tempo fino a ieri ormai è passato, noi lo dividiamo con la morte. Come l'ultima goccia non vuota la clessidra, ma vuota qualsiasi cosa definita prima, così l'estrema (l'ultima) ora nella quale cessiamo di esistere non provoca da sola la morte, ma da sola la compie, noi arriviamo allora a quella in quel momento, ma vi siamo diretti da lungo tempo. Dopo aver delineato questi concetti con il tuo solito linguaggio, sempre sostenuto e tuttavia mai più penetrante di quando metti le parole al servizio della verità, scrivi: La morte non viene una volta sola: quella che ci porta via è l'ultima morte. È meglio che tu legga te stesso invece della mia lettera; capirai che questa da noi temuta, è la morte estrema, non la sola. So dove guardi: cerchi che cosa ho inserito in questa lettera, che massima coraggiosa, che insegnamento utile di un qualche autore. Ti manderò dei pensieri sull'argomento in questione. Epicuro biasima non meno quelli che desiderano la morte di quelli che la temono e dice "è ridicolo ricorrere alla morte per insoddisfazione della vita dal momento che hai fatto in modo che si dovesse ricorrere alla morte per il tuo genere di vita". "(Epicuro) allo stesso modo, in un altro passo dice" che cosa c'è di tanto ridicolo quanto desiderare la morte dal momento che hai fatto per te (ti sei fatto) una vita inquieta per paura della morte? ” Medita su uno qualsiasi di questi pensieri, rafforzerai il tuo animo a sopportare o la morte o la vita; dobbiamo essere consigliati e incoraggiati sia a non amare troppo la vita, sia a non odiarla troppo. Anche quando la ragione ci spinge a farla finita, non prendiamo risoluzioni sconsiderate e avventate. L'uomo forte e saggio non deve fuggire dalla vita, ma uscirne: e soprattutto eviti uno stato d'animo comune a molti: la smania di morire.

Lucilio mio, come per altre cose, anche per la morte c'è una propensione inconsulta: spesso assale gli uomini generosi e impavidi, spesso gli ignavi e i deboli: gli uni sprezzano la vita, gli altri ne sono gravati. In certi si insinua la sazietà di fare e di vedere sempre le stesse cose, e non l'odio, ma il disgusto della vita; vi scivoliamo spinti dalla filosofia stessa e ci chiediamo: "Fino a quando le medesime cose? Mi sveglierò dormirò mangerò avrò fame, avrò freddo, avrò caldo. Niente finisce, ogni cosa è concatenata in un circolo chiuso; fugge e insegue; la notte incalza il giorno, il giorno la notte, l'estate finisce nell'autunno, l'autunno è inseguito dall'inverno, che è chiuso dalla primavera; tutto passa per ritornare. Non faccio niente di nuovo, non vedo niente di nuovo e un bel giorno tutto questo viene a nausea. " Ci sono molti che la vita non la giudicano penosa, ma superflua. Stammi bene.

Ogni giorno moriamo versione latino
Seneca dal libro latino italiano versioni per il triennio

Cotidie morimur;

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:06:40 - flow version _RPTC_G1.1