Soltanto il tempo è nostro

Ita fac, mi Lucili, vindica te tibi, et tempus.

Fai così, mio Lucilio, vendicati per te, e raccogli e conserva il tempo, che fino ad ora o era stato lasciato da parte o era stato rubato o era sfuggito.

Convinciti che ciò è così, come io scrivo: alcuni momenti ci sono stati sottratti, alcuni ci sono stati rubati, altri scorrono. Tuttavia è vergognosissima la perdita del tempo, che accade per negligenza. E se avessi voluto attendere, la maggior parte della vita sarebbe scivolata via a coloro che agiscono male, una gran parte a coloro che non fanno niente, tutta la vita a coloro che fanno un'altra cosa.

Chi è, colui che potrebbe porre un qualche valore al tempo, che potrebbe valorizzare il giorno, che comprenda che ogni giorno potrebbe morire? In ciò noi infatti sbagliamo, perché stiamo di guardia alla morte: la maggior parte di questa passa ormai oltre.

Qualsiasi cosa del tempo è indietro, la morte la tiene. Fai dunque, mio Lucilio, la cosa che scrivi che farai, abbracciare tutte le ore. Così avverrà che dipenderai meno dal domani, se avrai dato contributo al giorno che vivi. Per tutto il tempo che sarà rinviato, la vita passa. Tutte le cose, Lucilio, sono di altri (non ci appartengono), il tempo è soltanto nostro.
(By Maria D. )

Versione tratta da Seneca

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:06:57 - flow version _RPTC_G1.1