Nerone da inizio al taglio dell’istmo di Corinto - versione latino Svetonio

Nerone da inizio al taglio dell’istmo di Corinto
versione latino Svetonio traduzione libro sermo et humanitas

Nero, augendi propagandique imperii neque voluntate ulla neque spe motus umquam, etiam ex Britannia deducere exercitum cogitavit, nec nisi verecundiā, ne obtrectare parentis glo­riae videretur, destĭtit.

Nerone non fu mai animato dalla volontà o da alcuna speranza di potenziare e allargare l'impero, anzi pensò di ritirare l'esercito dalla Bntannia, e non vi rinunciò se non pere la vergogna e perché non sembrasse che voleva denigrare l'impresa gloriosa del padre.

Solo trasformò in forma di provincia il regno del Ponto, con il consenso di Polemone, ugualmente quello delle Alpi, una volta morto Cottio. Intraprese solamente due viaggi, per Alessandria e per l'Acaia;

ma rinunciò a quello ad Alessandria il giorno stesso della partenza, turbato per un timore superstizioso insieme ad un pericolo. Infatti, mentre, dopo avere visitato i templi, stava seduto nel santuario di Vesta, mentre si alzava, prima gli si attaccò un lembo (della veste), poi sopraggiunse un così grande abbassamento della vista da non riuscire a vedere.

In Acaia, mentre si accingeva a tagliare l'Istmo, nell'adunanza esortò i pretoriani a cominciare l'opera e, fatto suonare il segnale con la tromba, per primo con un piccolo attrezzo scavò la terra e (la) portò via sulle spalle accumulata in un cestino.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-21 23:52:10 - flow version _RPTC_G1.1